pensieri

28: MariaDomenica

image

Maria Domenica, una mia amica, alle 5 torna da lavoro. Ha 78 anni. E fa la donna tuttofare da una sua amica. Più anziana di lei.

Oggi, l’ho incontrata. Di nuovo. L’ho fermata. E ci ho parlato un pò. Ha accarezzato il mio cane. E se n’è andata a casa. Dai suoi amici gatti. Che soggiornano in una piazza deserta.

Maria Domenica, mi ricorda le nonne. Che ci hanno insegnato tanto e dato tanto.

Lei mi dà tanto. Anche con una parola detta piano. E i suoi discorsi senza senso, per me, di Tempesta d’Amore.

A volte, sento gente dire: “Tanto è vecchia!” “Poverina era vecchia”. Come se l’essere vecchio, anziano, giustifichi una morte, una malattia. Improvvisa o no. Come se essere vecchio sia sinonimo di persona che non vale più niente.

La vecchiaia è un’età che va rispettata. Ascoltata e soprattutto amata. La vecchiaia esiste e non va gettata nella pattumiera, come una lattina di coca cola. Quasi piena e che non ci va più.

Notte,

Em@

Annunci

11 thoughts on “28: MariaDomenica

  1. Si, va bene, tante belle parole, tante belle intenzioni…ma poi la realtà è ben diversa e le persone anziane e malate si trasformano spesso in persone orribili ed ingestibili…comunque contro la loro volontà.
    Certo, non si può fare di tutta l’erba un fascio, ma quando la testa non funziona più è molto brutto.

    Liked by 1 persona

    1. La malattia cambia tutti. Giovani e vecchi. Quando si diventa anziani è più difficile gestire la cosa, ma questo non significa che non valgono niente. Capisco quello che dici perché ho vissuto sulla pelle esperienze non proprio positive, ma è la dura legge della vita.
      Buona Serata.

      Liked by 1 persona

      1. Purtroppo è così, anch’io ho capito bene ciò che volevi dire nel tuo post, anche se mi sono lasciato condizionare dalla realtà che sto vivendo con babbo in casa di cura ormai già da otto mesi.
        Un caro saluto
        Carlo

        Liked by 1 persona

  2. Bella la descrizione dell’incontro con Maria Domenica, e ancor più la tua riflessione sulla vecchiaia, periodo in cui si diventa più vulnerabili e quindi più bisognosi di comprensione, rispetto e amore. Notte 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...