Storie

64: Passione

IMG_20160510_215454 (1)
Annifa, 2008

A tutti coloro che hanno una passione

Si era alzato di merda quel giorno. Aveva preso la sua borsa di danza ed era andato al mare. Non c’era nessuno. Era una mattina d’inverno e tutti erano a scuola.

Aveva lasciato la scuola da un paio di settimane perché non credeva nell’istruzione e aveva mandato a fanculo la sua professoressa di matematica. Una stronza che l’aveva preso di mira.

Al mare tutto sembrava nuovo. L’aria diversa. Diversa da quella della sua città sempre caotica, dove macchine passavano in continuazione. E senza interruzione. Macchine rappresentate da marche di macchina. Perché dentro gli abitacoli la gente sembrava morta. Manichini indaffarati con l’orologio al polso.

Al mare si sentiva libero. L’unico posto dove non doveva rendere conto alle chiacchiere di quei genitori assenti. Di quel padre che quando c’era si chiudeva in camera. E beveva, si ubriacava. Si ubriacava e tirava coltelli, come se fossero freccette. Lui aveva paura, ma voleva essere più forte della paura.

Al mare spegneva il telefonino e lo riponeva nella tasca della borsa, dove teneva le mezzepunte. Non voleva sentire nessuno. Le chiacchiere della sua ragazza che lo chiamava solo per dirgli di tornare a scuola. Senza chiedergli Come stai? Che racconti? Che hai fatti oggi?

Si sentiva solo, ma era forte. Perché aveva con sé la sua passione. La passione per la danza. Sbarra, diagonale, centro. Mezzepunte, aperture. Plié, rélevé, rond de jamb.

Una passione che gli scandiva le giornate, parlava con lui. Riaffiorava quando si svegliava e si allontanava quando si addormentava. Anche se a volte, la sognava.

Sognava sempre di danzare sulla sabbia, in una mattina di dicembre. Una mattina come tante, come quella di oggi.

E oggi, danzò come in quel sogno. Scalzo e senza musica. Perché le onde gli facevano da sottofondo e i tuoni rafforzavano pezzi di coreografia.

Per la prima volta si sentì libero di urlare al mondo e senza voce che lui c’era. Ed era quello che danzava.

Anche se non c’era nessuno a guardarlo, anche se intorno passanti disattenti, come manichini senza anima, guardavano l’orologio perché dovevano rientrare.

Buona notte,

Ema

Annunci

7 thoughts on “64: Passione

  1. Il coraggio di seguire le proprie passioni porta sempre ad affrontare delle difficoltà, ma se si tratta davvero di una passione forte alla fine ne vale la pena. Bella storia, buona giornata 🙂

    Liked by 2 people

    1. La passione è un mezzo che ti permette anche di affrontare la vita in maniera diversa. Non ti importa se qualcuno ti ascolta, ma ti importa se riesci ad ascoltarti e capirti anche tramite la tua passione. E inoltre, come dici tu, è da coraggiosi seguire i propri i sogni. Buona giornata a te, caro! ;9

      Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...