Martedì quasi di neve.

img_20161129_152632
La suora giovane, Giovanni Arpino. Foto: Me.

Buen@s, 

il freddo è iniziato  a farsi sentire. Con esso la neve e le giacche pesanti, che ci riscaldano amorevolmente. Bianca dorme in poltrona. Si sa i cagnolini amano il caldo della casa e le coccole.

Ho appena finito di leggere “La suora giovane” di Giovanni Arpino. Un romanzo breve, scritto nel 1959.

Il protagonista, Antonio, è un ragioniere che vive la sua solitudine in una Torino descritta benissimo, che fa da sfondo alle sue avventure.

Antonio lavora tutti i giorni, con gli stessi orari, ma è stanco della sua vita convenzionale, dove la monotonia prende il sopravvento e la (pseudo) relazione con una certa Anna non va oltre il flusso quotidiano (per lui monotono).

Antonio, Antonino, trova la sua valvola di sfogo in una suora; una novizia di nome Serena, che incontra alla fermata del tram.

Inizialmente, immagina questo incontro. Poi, realmente e fortunatamente, la conosce.

Parlano per ore all’interno della casa di un avvocato gravemente ammalato, che la novizia accudisce. Ore che acquistano valore per Antonio, che trova il suo “se stesso” in qualcosa e qualcuno, che non avrebbe mai immaginato di vivere e incontrare.

Ciò che ho amato maggiormente, oltre allo stile, è la modernità di questo romanzo.

E come diceva la mia prof. di francese al liceo :”Un romanzo è attuale quando è moderno”. Quando le problematiche e le emozioni rispecchiano la realtà che viviamo. Ora.

Bianca si è svegliata. E’ ora di uscire, per il bisogno quotidiano.

Mil besos,

Em@

P.S.: Il libro, che personalmente ho trovato al mercatino, si può trovare su amazon:

https://www.amazon.it/La-suora-giovane-Giovanni-Arpino/dp/8860739969

135: 16 settembre (Un po’ di me #22)

 

Buenas,

oggi è venerdi, come si sa. Sto scrivendo dalla mia camera, mentre Pedro e Bianca giocano. Oramai sono due settimane che la bianchina è con noi. Due settimane di esaurimento nervoso, misto a gioia. Visto che avere in casa due cagnolini non è cosa da poco! Molti di voi possono caprimi.

Bianca è dolce, ma paurosa. Anche se ultimamente sta sfoggiando un carattere niente male. Pedro l’ha accolta bene. E giocano insieme, come se si conoscessere da una vita.

Di seguito, vi metto delle foto, che ho fatto la settimana scorsa.

Mil besos,

Em@

Questo slideshow richiede JavaScript.

126: 5 settembre

Buenas,

oggi, piove. Bianca fa la pipì per tutta casa. Pedro la bacia, come se fosse la sua fidanzata.

Ora, sul mio letto, mi guardano, come se fossi una star del cinema. Mentre scrivo parole, che vorrei orientare verso il concetto di apparenza.

Apparire o essere? Essere o apparire?

Io appaio come sono. Anche se chi mi guarda dall’esterno potrebbe pensare male, bene. Potrebbe dire apparentemente che io sono un altro. Un altro me.

Ma, io, dritto per la mia strada so qual è il limite tra l’essere e l’apparire. A volte, esagero nell’apparire. A volte, tralascio l’essere. A volte, tralascio l’apparire. E come un poveretto vado in giro per la mia strada, indossando ciò che voglio. E so che chi mi guarda potrebbe dire qualcosa. E questo qualcosa generare un’ offesa. Offesa che non mi tange, ma che combatto attraverso le parole, l’eloquenza.

Dopo lo sguardo attonito di chi mi ha giudicato, le mie parole risaltano nell’aria, indebolendo le convinzioni di professionisti, che subito cambiano espressione. Faccia.

Oggi per esempio, davanti alla porta del tribunale, vengo fermato da un poliziotto, che non ha fermato la donna che entrava prima di me. Lei era ben vestita, ben truccata, esteticamente perfetta. Io, vestito decente, con maglietta semplice e jeans, con due orecchini a forma di foglia, su ogni orecchio. Apparentemente diverso dalla signora, forse ugualmente competente. Forse.

Perché la Signora non è stata fermata? Poteva tenere nella sua borsa una pistola.

Comunque, quando inizio a parlare in tono aulico (tono che uso molte volte in mia difesa), il poliziotto cambia espressione. La tensione del viso, si rilassa. E lo spirito inquisitorio scompare.

Io mi chiedo: “Perché devo usare il tono aulico per essere credibile? Perché?

Mi rispondo sempre che essere se stessi ti dà libertà, ma nello stesso tempo ti mette dei paletti. Paletti che mi obbligano ad usare un tono aulico, per essere ascoltato.

In un certo senso, è una sorta di bullismo. Che personalmente combatto. Ma, mi metto nei panni di chi non ci riesce. E che muto (per mancanza di mezzi) non combatte il finto conformismo.

Vi lascio! Mi sono troppo dilungato!

Vado a spupazzare quei due mostriciattoli che apparentemente si sono addormentati. Anche se con la coda dell’occhio non hanno mai smesso di guardarmi.

Buona serata e

Mil besos, 

Em@