Nove: Agosto

image

Caldo afoso. Siamo in agosto. Un agosto, di tanto tempo fa. Un agosto spensierato, con il sole in fronte.
Nessun problema, nessuna preoccupazione, nessun modo di riempire il tempo.
Tutto era spontaneo, vissuto, senza “un rimandero’ a domani”. Perché quando si è piccoli non si vive per progettare. Si vive per divertirsi, giocare, buttarsi l’acqua addosso, farsi male, piangere e rialzarsi.
Quel caldo afoso me lo ricordo ancora, ma lo sopportavo a differenza di oggi. Lo sopportavo perché non gli davo un peso. Il peso della maturità.
Agosto: le litigate con mia sorella, la merenda della nonna, il gelato al bar. La felicità di poter condividere un pezzo di torta, fuori, perché allora in paese era tutto più semplice.
Si rideva per una parola detta a caso, per una storia raccontata dalla signora che le sapeva raccontare. E che ci metteva la giusta enfasi per farci sorridere. E poi ridere.
Questa mattina ha nevicato ed io ho ripensato ad Agosto.

Buona serata.