Ora non più #8

Ci sono persone che, in tempi remoti, scrivevano lettere, diari, biglietti d’amore. D’auguri.

Scrivevano con calma, facendo attenzione al contenuto, alla forma. Alla grammatica. Pesavano le parole. E qualsiasi imperfezione, veniva corretta. Perché era importante arrivare al destinatario nella perfezione totale.

Queste persone, ad esempio, compravano la carta e la busta dello stesso colore, sceglievano le cartoline con molta cura e utilizzavano una penna nuova.

C’erano persone che scrivevano lettere, diari, biglietti d’amore e d’auguri. Ora, non più.

70: Un po’ di me #1

12998708_1600969713559894_849030924842713211_n
Io, selfie

 

Ciao Cari! Come state?

In questo post,  ho intenzione di svelarvi dei segreti (che poi tanto segreti non sono!) che si celano dietro alle storie che settimanalmente scrivo. Sono storie che prendono spunto dal mio vissuto, dalle mie esperienze passate e dalla mia vita quotidiana.

E proprio dalle immagini, che vedo giornalmente, nascono le storie che racconto, anche se molte volte parlo in terza persona o assumo il ruolo femminile per raccontare una situazione o un luogo.

Partiamo subito!

Questa settimana ho scritto tre racconti, che trovate nella categoria “storie”: Quel pezzo di strada; Notti insonni; Due felicità che mangiano spaghetti.

 

In Quel Pezzo di strada ci sono tre elementi che voglio rendervi noto: la lettera d’amore, la strada protagonista del racconto, la panchina dove i due innamorati si incontravano ai tempi di scuola.

  • La lettera d’amore è un dolce oramai tipico di Chieti e si può trovare nel Bar D’Orazio, sito all’interno di un vicolo caratteristico della città. E si può trovare al Caffè Vittoria, un bar centrale e molto grande, dove parecchi anni fa (nel 1982) ci hanno girato persino un film: Sciopén. Film, che nel 1983 ha avuto nominations ai David di Donatello.

 

lettera amore 1
Lettera d’Amore
lettera amore 2
Lettera d’Amore e Pedro
vittoria2
Bar Vittoria, foto web

La lettera d’amore è un dolce che ho conosciuto grazie a mia madre che, quando non andava a scuola, insieme alle sue amiche di Manoppello (paese di cui sono originario), andava al bar D’Orazio o al Caffé Vittoria e mangiava insieme alle sue best friends questo dolce, che è essenzialmente fatto di pasta frolla con all’interno uvetta, canditi e cannella.

  • La strada protagonista di questo racconto è quella che faccio giornalmente con il mio cane/perro Pedro. Una strada dove c’è realmente una scuola, l’Istituto Commerciale Galiani, e dove ci sono un tabaccaio e un bar. Una strada non molto centrale, piena di alberi, che ha preservato la sua autenticità. Per fortuna!
galliani chieti
Istituto Commerciale Galiani, Chieti, oggi

 

pezzo di strada
Pezzo di strada con Tabaccaio e Bar. Di fronte c’è la scuola Galiani. Chieti, oggi

 

  • La panchina si trova poco prima la scuola, al Panorama della Civitella (anfiteatro romano purtroppo conservato male, malissimo direi!). Questo è un luogo fantastico dove i tramonti sono realmente goduti e dove vedo sempre giovani che cacciano lingue, senza mai fermarsi. Beati loro! AHAHH
panchina
Panchina e Panorama, Chieti, oggi

 

Per Notti insonni, mi sono ispirato alla mia storia personale. Per un periodo lungo ho sofferto di ansia, attacchi di panico e depressione. E la notte non riuscivo a dormire. I pensieri realmente non si arrestavano e la mia povera testolina la mattina era distrutta. Il letto è quello della mia camera. Non ho una foto, ma è un letto normale. Ahaha

Come nella storia, mi capitava di prendere un libro e iniziarlo a leggere, ma mi colpivano solo le parole che aumentavano la mia ansia. Il mio panico.

Per quanto riguarda la storia della donna che perdeva il bambino, mi sono ispirato a quella di una mia amica, che purtroppo ha perso un bimbo nella stessa maniera e ne ha sofferto molto.

L’ultimo racconto, Due felicità che mangiano spaghetti, ha come protagonista un disegnatore e come soggetto di riflessione un uomo.

  • Il disegnatore l’ho preso in prestito dalla mia lettura settimanale di un fantastico libro di Cesare Pavese, La bella estate, dove la protagonista sedicenne Ginia si innamora di un pittore. Io, ho usato il disegnatore poiché so disegnare, ma non dipingere.
IMG_20160521_170157
La bella estate di Pavese, 10 euro, Einaudi

  • L’uomo pienotto con gote rosse, l’ho incontrato al bar dove prendo il caffè il pomeriggio. L’uomo era solo e mangiava questo piatto di spaghetti, così come è stato descritto nel brano. Ma, era la prima volta che lo vedevo.
CHRISTOS5
Bar Trinità, Piazza Trento e Trieste, Chieti

Ho voluto dirvi queste cose, perché così conoscete anche chi sono realmente. Altre cose, me le tengo nascoste, perché è giusto così. Non si può svelare tutto! No?

  • Vi lascio il mio indirizzo di studio perché mi piacerebbe conoscervi per lettera. Per avere un contatto epistolare. Chi è interessato, può scrivermi! O può mandarmi il suo indirizzo per mail: potere.emanuele@virgilio.it

 

Emanuele Potere

c/o Studio professionale Di Iorio

Via Ravizza, 84

66100, Chieti

 

Buon fine settimana,

Em@

 

 

67: Quel pezzo di Strada

IMG_20160516_212642 (2).jpg
pezzodistrada, dicembre2015

 

Lettera d’amore

 

A Valeria

Quel pezzo di strada ci stava stretto un tempo. Tua madre che ci fissava ogni volta che ci baciavamo sul motorino. E io ti dicevo: “Ma, questa deve stare tutto il tempo dietro alle persiane?” E tu non rispondevi. Continuavi a baciarmi. E io come un ebete, impassibile, mi perdevo nella tua bocca. Lingua. Saliva.

Mi elettrizzavano i tuoi odori e quel profumo che mettevi dopo palestra. E che oggi ho ritrovato tra gli scaffali di Acqua e Sapone. Pensavo che non esistesse più quella confezione. Invece, esiste ancora. L’ho tolta da quel mobile sprovvisto. E l’ho accarezzata dolcemente, come un bambino che tranquillizza la sua bambola preferita.

Quel pezzo di strada, di fronte al nostro Istituto Commerciale, aveva un bar, un tabaccaio, e un vicoletto dove c’erano la pizzeria e la tua casa. Ti aspettavo tutte le mattine davanti alla porta d’ingresso del tuo palazzo, con in mano una lettera d’amore. Quel dolce che ti piaceva tanto, con marmellata e uvetta all’interno. Tutte le mattine, appena sceso dall’autobus, la mia tappa fissa era il bar D’Orazio. Ti compravo quella lettera e venivo da te. Ero contento, soprattutto di vedere il tuo viso appena sveglio. Senza trucco. Mi piacevi di più al naturale e questo te l’ho sempre detto.

Quel pezzo di strada, aveva anche una panchina, che si affacciava su un panorama fantastico. Stazionavamo lì soprattutto a maggio, quando l’aria era più calda. E i tramonti avevano colori senza definizione. I colori e le associazioni. Il nostro gioco preferito. Ti dicevo un colore e tu mi dovevi dire a cosa ti faceva pensare. Il rosso alla nostra prima notte di sesso. Il bianco alla tua prima comunione, dove ti sei dimenticata le parole, mentre recitavi ad alta voce una preghiera. Il blu al mare calmo d’estate, mentre tu in colonia eri l’unica che rimaneva fissa a guardarlo. Perché ti piaceva l’acqua di prima mattina e il sole che pian piano acquistava vigore.

Quel pezzo di strada, c’è ancora. E tu lo sai. Oggi, ci sono passato. Ero emozionato. Dopo la maturità avevamo litigato. Tu, ti sei messa subito con un altro e un anno dopo già eri madre. Io ci stavo troppo male e decisi di andare all’estero. Per qualche mese, che è diventato qualche anno. Dopo dieci anni, sono tornato per il funerale di mio zio.

Ora, sono qui, davanti a quel pezzo di strada. E penso ancora a te. So che sei madre di due bimbi e che stai bene. Non ho voluto sapere altro, perché mi fa ancora male.

Davanti al cancello di scuola, ho acceso la sigaretta. Fumo ancora. La scia della sigaretta ha percorso con me i nostri luoghi. Il bar ancora aperto, il tabaccaio rinnovato, la pizzeria nel vicoletto con una nuova gestione.

Mi sono seduto sulla nostra panchina, ho spento la sigaretta. Ho guardato il tuo balcone, nella speranza che tua madre o tu ti affacciassi. Ho aspettato per circa un’ora, mentre il tramonto si scontrava con nuvole piene di pioggia.

Non si è affacciato nessuno.

Mi sono alzato e ho detto addio a quel pezzo di strada. Il nostro pezzo di strada.

Per un attimo, ho creduto di vederti. Mi sono girato, ma non eri tu.

Eravamo io e te, ai tempi della scuola, mentre ti davo il bacio del buongiorno e la lettera d’amore.

Quella lettera che non ho mai avuto il coraggio di scriverti e ti scrivo ora.

Marco

La lettera d’amore è un dolce che, dalle mie parti, esiste realmente. A breve, metterò foto!

47: Lettere di altri tempi

Buonasera a tutti! 

Da oggi,  e per una volta a settimana, il mio post sarà dedicato alla pagina di diario della mia amica Betty. 

E’ molto simpatica ed è bravissima nel fare gli origami !

 

betty

 

13 aprile 2016

 

Ciao sono Betty e grazie al mio amico Ema, posso raccontarvi un po’ di me. Quello che faccio, le mie passioni. Amori. Amori che mi hanno fatto soffrire. E quelli che sono felice siano finiti. Perché per me l’amore non dura in eterno. Resta affetto. Ma, l’amore con la a maiuscola si esaudisce dopo i primi tre mesi di relazione.

Ricordo quando Luca, mio marito, mi invitava a cena. Mi chiamava a tutte le ore e mi portava sempre una rosa davanti a scuola, ogni volta che veniva a riprendermi. Che tempi! Ora anche quel “ciao amor” che mi piaceva tanto, l’ha buttato nel cestino con il passare degli anni.

Siamo sposati da quindici anni. Io ne avevo 20, lui 23. Ho due figli, Pilar e Pedro. Vi direte: “E che nomi sono?” Sono dei nomi propri spagnoli, che sembrano due nomi di cani. Lo so. Ma, mi piacevano tanto perché sono un’amante della cultura spagnola. Pilar era la mia professoressa di spagnolo all’Università, Pedro il mio primo fidanzatino della mia prima vacanza studio a Valladolid, quando facevo il quarto superiore.

Per un periodo molto lungo, ho avuto con lui una corrispondenza epistolare. Che bello scrivere le lettere! Ora non si fa più. E questo mi manca. Molto. Qualcuno di voi lo fa ancora?

Quando scrivi lettere non devi dimostrare niente a nessuno. Il flusso di coscienza prende il sopravvento e le parole scritte a mano hanno un altro effetto. Sembra di percepire a chilometri di distanza la persona che le scrive. E poi le decorazioni, la preparazione. Andavo a comprare la carta di un determinato colore, che cambiava a seconda della persona che doveva riceverle.  E poi l’attesa! L’attesa snerva, è vero. Ma, ha quel fascino che oggi nella generazione del “tutto e subito” si è perso. Si è perso il senso dell’attesa, della voglia di ricevere qualcosa. Qualcosa di gradito.

Ora vi lascio, che devo andare a riprendere i bimbi in palestra. Pilar, la femminuccia fa calcio, il maschietto danza. Potevano essere “normali” i figli di una donna problematica, come sono io? Ma, amo essere così. Amo la diversità, perché mi rende umana. Mi porta fuori dagli schemi prestabiliti e mi permette di essere fragile. Anche se essere fragile mi fa soffrire un po’. Un po’ tanto.

Vi lascio,

La vostra nuova amica Betty