7 novembre: Aspettando qualcuno.

Aspettando qualcuno puoi fare tante cose: guardare, osservare. Giocare a palla. Ma, dove sta la palla?

La palla, in realtà, è il pallino fisso. Quello che hai in mente. Non esce mai. Non rotola. Rimane lì per anni.

Fino a quando vedi il verde di qualcuno. E capisci che hai perso solo tempo. Pazienza (dietro a quella cazzo di palla).

Un albero verde ti può far cambiare idea. Ma…stai attento! Devi capirti prima tu. Per andare avanti. Oltre.

Per capire che non si può aspettare nessuno. Senza essere cambiato.

Almeno un po’.

6 novembre: autunno

Autunno. Foglie cadono. Cadono silenzi. Silenzi assordanti. Assordanti come la neve di gennaio.

Un uomo passeggia. Sono le 9.00, quasi 10. Le 9.00 o le 10?

La notte avanza anche se è giorno. Il chiosco è chiuso. Da un po’.

Alberi gialli, immobili, sono testimoni di un io riflesso che ha paura di nascondersi.

Autunno. Otoňo. Novembre. 6 novembre.

Nuvole, senza nuvole

Ore 9.30 a.m.

Nuvole, senza nuvole. Oggi il sole definisce i contorni. Li rende visibili. Anche se non c’è nessuno. La villa è vuota. I bambini a scuola. E le maestre insegnano. Grammatica, storia, geografia. Ci sono solo le nonne ed i neonati. Passeggiano avanti e dietro. Dietro e avanti. Come un intervallo irregolare, si fermano. Parlano con le amiche, fanno finta di salutare le nemiche. Le nemiche chi sono? Quelle che si odiano. O si ammirano per qualcosa. E si odiano perché si ammirano! Quanto è strana e complicata la vita! Entrare nei pensieri degli altri, è così difficile! Difficile fidarsi, capire, interagire. Difficile anche comprendere. Perché dietro visi stanchi, o sereni, o soddisfatti, c’è sempre qualcosa che non va. Un tassello complicato difficile da inserire.

Nuvole, senza nuvole. I bambini piangono. A squarciagola. Non si interrompono. Le nonne sorridono o fanno finta. Schivano le loro nemiche, facendo finta di non vederle. Tornano a casa. Preparano la cena. E aspettano le figlie che tardano ad arrivare.