Rosa romantico

Una signora, che conosco, mi parla sempre di romanticismo. Ascolta musica romantica ed immagina. 

Mi racconta che quando era giovane aspettava il venerdì, giorno del mercato. In quel giorno, incontrava un giovane venditore, che la guardava.

La signora sottolinea che il loro non era un rapporto. Si attendeva quel giorno per guardare. Guardarsi. Forse immaginare. E aspettare, senza fretta, ciò che poteva accadere. O non accadere.