RealTime

70: Un po’ di me #1

12998708_1600969713559894_849030924842713211_n
Io, selfie

 

Ciao Cari! Come state?

In questo post,  ho intenzione di svelarvi dei segreti (che poi tanto segreti non sono!) che si celano dietro alle storie che settimanalmente scrivo. Sono storie che prendono spunto dal mio vissuto, dalle mie esperienze passate e dalla mia vita quotidiana.

E proprio dalle immagini, che vedo giornalmente, nascono le storie che racconto, anche se molte volte parlo in terza persona o assumo il ruolo femminile per raccontare una situazione o un luogo.

Partiamo subito!

Questa settimana ho scritto tre racconti, che trovate nella categoria “storie”: Quel pezzo di strada; Notti insonni; Due felicità che mangiano spaghetti.

 

In Quel Pezzo di strada ci sono tre elementi che voglio rendervi noto: la lettera d’amore, la strada protagonista del racconto, la panchina dove i due innamorati si incontravano ai tempi di scuola.

  • La lettera d’amore è un dolce oramai tipico di Chieti e si può trovare nel Bar D’Orazio, sito all’interno di un vicolo caratteristico della città. E si può trovare al Caffè Vittoria, un bar centrale e molto grande, dove parecchi anni fa (nel 1982) ci hanno girato persino un film: Sciopén. Film, che nel 1983 ha avuto nominations ai David di Donatello.

 

lettera amore 1
Lettera d’Amore
lettera amore 2
Lettera d’Amore e Pedro
vittoria2
Bar Vittoria, foto web

La lettera d’amore è un dolce che ho conosciuto grazie a mia madre che, quando non andava a scuola, insieme alle sue amiche di Manoppello (paese di cui sono originario), andava al bar D’Orazio o al Caffé Vittoria e mangiava insieme alle sue best friends questo dolce, che è essenzialmente fatto di pasta frolla con all’interno uvetta, canditi e cannella.

  • La strada protagonista di questo racconto è quella che faccio giornalmente con il mio cane/perro Pedro. Una strada dove c’è realmente una scuola, l’Istituto Commerciale Galiani, e dove ci sono un tabaccaio e un bar. Una strada non molto centrale, piena di alberi, che ha preservato la sua autenticità. Per fortuna!
galliani chieti
Istituto Commerciale Galiani, Chieti, oggi

 

pezzo di strada
Pezzo di strada con Tabaccaio e Bar. Di fronte c’è la scuola Galiani. Chieti, oggi

 

  • La panchina si trova poco prima la scuola, al Panorama della Civitella (anfiteatro romano purtroppo conservato male, malissimo direi!). Questo è un luogo fantastico dove i tramonti sono realmente goduti e dove vedo sempre giovani che cacciano lingue, senza mai fermarsi. Beati loro! AHAHH
panchina
Panchina e Panorama, Chieti, oggi

 

Per Notti insonni, mi sono ispirato alla mia storia personale. Per un periodo lungo ho sofferto di ansia, attacchi di panico e depressione. E la notte non riuscivo a dormire. I pensieri realmente non si arrestavano e la mia povera testolina la mattina era distrutta. Il letto è quello della mia camera. Non ho una foto, ma è un letto normale. Ahaha

Come nella storia, mi capitava di prendere un libro e iniziarlo a leggere, ma mi colpivano solo le parole che aumentavano la mia ansia. Il mio panico.

Per quanto riguarda la storia della donna che perdeva il bambino, mi sono ispirato a quella di una mia amica, che purtroppo ha perso un bimbo nella stessa maniera e ne ha sofferto molto.

L’ultimo racconto, Due felicità che mangiano spaghetti, ha come protagonista un disegnatore e come soggetto di riflessione un uomo.

  • Il disegnatore l’ho preso in prestito dalla mia lettura settimanale di un fantastico libro di Cesare Pavese, La bella estate, dove la protagonista sedicenne Ginia si innamora di un pittore. Io, ho usato il disegnatore poiché so disegnare, ma non dipingere.
IMG_20160521_170157
La bella estate di Pavese, 10 euro, Einaudi

  • L’uomo pienotto con gote rosse, l’ho incontrato al bar dove prendo il caffè il pomeriggio. L’uomo era solo e mangiava questo piatto di spaghetti, così come è stato descritto nel brano. Ma, era la prima volta che lo vedevo.
CHRISTOS5
Bar Trinità, Piazza Trento e Trieste, Chieti

Ho voluto dirvi queste cose, perché così conoscete anche chi sono realmente. Altre cose, me le tengo nascoste, perché è giusto così. Non si può svelare tutto! No?

  • Vi lascio il mio indirizzo di studio perché mi piacerebbe conoscervi per lettera. Per avere un contatto epistolare. Chi è interessato, può scrivermi! O può mandarmi il suo indirizzo per mail: potere.emanuele@virgilio.it

 

Emanuele Potere

c/o Studio professionale Di Iorio

Via Ravizza, 84

66100, Chieti

 

Buon fine settimana,

Em@

 

 

Annunci

22 thoughts on “70: Un po’ di me #1

  1. Bello questo tuo volerti far conoscere, beh che nei tuoi racconti ci vosse qualcosa di vissuto si percepiva, è difficile spiegare certe emozioni o sentimenti o situazioni se non si conoscono. Buon pomeriggio 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Vero Silvia. E grazie. Farmi conoscere mi sembra il minimo, visto che giornalmente condividiamo pensieri, emozioni e sentimenti. 💚💚. E poi è anche bello perché siamo persone che non ci conosciamo dal vivo, ma è come se si ci vedessimo sempre, anche per solo cinque minuti. Buon fine settimana cara! 😘😘😘😘

      Mi piace

  2. È bello vedere come viene “costruito” un racconto e d’altro canto chi scrive mette sempre un pezzo di sé nei personaggi di finzione, o negli avvenimenti che narra.
    La lettera d’amore non la conoscevo, dalle mie parti non la producono però c’è un dolce sempre di pasta frolla ripieno di crema pasticcera con al centro un’amarena.

    Buona serata e buon fine settimana a te 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Alla fine, come dici tu, chi scrive mette parti di sé. Che non conosciamo se non attraverso il racconto. Ma, sono parti che giustamente molti custodiscono, ma a volte è anche bello esternarle, anche per capire chi è colui o colei che le scrive. Poi ci sono parti che rimangono nascoste ed è giusto così. Buon fine settimana a te! ❤

      Liked by 1 persona

    1. Grazie! 😘 😘 😘
      Se dovessi passare dalle mie parti te la offro volentieri. Te la potrei pure mandare, ma poi non sarebbe buona, come appena comprata! Grazie per le belle parole 😗 un bacio Em@

      Mi piace

  3. La lettera d’amore è una vera e propria provocazione per la gola. Ai miei tempi non la facevano ancora. L’ istituto Galliani lo conosco, una mia sorella si è diplomata ragioniera lì e mio padre è stato bidello in quella scuola per alcuni anni. Come vedi mi riporti spesso alla mia infanzia ed adolescenza con le immagini, Posti in cui ho vissuto, strade che mi hanno vista bambina, panorami che ho accarezzato con lo sguardo. Bello. Ti leggo volentieri. Ciao Em@

    Liked by 2 people

    1. Buongiorno Tesoro! Sono contento che le mie immagini ti fanno tornare indietro nel tempo a quando eri bambina. Ciò ci fa essere uniti anche se dal vivo non ci conosciamo. Abbiamo parti di vissuto che si incastrano, anche se gli anni e le situazioni sono diverse. Buona giornata e grazie ancora per le belle parole! 😚😚😚

      Liked by 1 persona

  4. Allora:
    1)ma sei bellissimo!! 🙂
    2)mi piace che tu ci abbia svelato qualcosa di te, è un gesto intimo che non fa che confermare che qui si sta anche e soprattutto per il piacere di condividere con gli altri pensieri ed emozioni unici e personalissimi.
    3) bello svegliarsi e vedere la tua “lettera d’amore”! Chissà mangiarla!! (Sì ho copiato l’idea dei tuoi elenchi di tre elementi!!😁)
    Buona domenica, Emanuele❤️😘
    Grazie Emanuele

    Liked by 1 persona

    1. Ahahahaha, buongiorno signora 😘😘😘 grazie per il bellissimo, ma sono carino. Esco bene in foto. Ahha. Ho sentito l’esigenza di dire qualcosa di me perché alla fine anche se non ci conosciamo, ci “sentiamo” tutti i giorni. Un bacio e buona domenica, mentre mangio una lettera d’amore, anche se quasi è ora di pranzo. Hahahahaha Scherzo!

      Liked by 1 persona

      1. Hai fatto benissimo! Dovremmo farlo tutti, ci sentiamo e leggiamo praticamente tutti i giorni! Buona la lettera d’amore! Ma si trovano solo a Chieti? Prossimamente vengo in Abruzzo!!😁 Buona notte, bellissimo⭐️

        Liked by 1 persona

  5. allora allora allora!
    mado, sto veramente assente questo periodo…. sto facendo un corso di correzione bozze, che non mi servirà a nulla, ma mi piace molto e dopo tre anni e mezzo che è nata la mia piccolerra ho deciso di fare di nuovo una cosa tutta per me! poi il lavoro incasinato. tutti i pomeriggi al parco fino a tardi… la sera quando piccoletta decide che è ora di dormire io crollo e non riesco ne a leggere ne a pubblicare…
    mi spiace molto perdere delle cose… poi il tuo blog mi è sempre piaciuto molto… intimo, amichevole, piacevole…
    recupero pero! intanto è molto bella questa idea che hai avuto! ma quanto sei bellooooo!!!!!
    e le lettere d’amore na botta di ciccia ma quanto la vorrei ora! 😀
    bello vedere il dietro di un racconto!

    Mi piace

    1. Ciao cara! Hai fatto benissimo. A volte, trovare il tempo per se stessi è fondamentale anche per ritrovarsi. Ritrovare quella parte di noi, che giustamente tu hai dedicato alla tua bimba. Grazie per il bello! Ma, stai a esagerà. ahhahahah Ti faccio un in bocca al lupo per tutto. Buon fine settimana! 😉

      Mi piace

      1. si…. anche se sto veramente incasinata perchè ci danno anche un sacco di compiti, e anche considerando il fatto che non mi servirà a molto sto corso (correzione bozze) non andrò mai a lavorare in una casa editrice e quale autore mi trova per affidarmi la correzione… però mi piace molto ed è interessante! mi serviva proprio!
        ma piantala! se sei bellissimo! e anche molto attento e dolce, sembra da cio che scrivi! Anche se non sempre riesco a commentare, sempre senza giga sto, ti leggo e mi piace molto!
        buona domenica a te!

        Mi piace

  6. Ed io che pensavo di leggere” tutte le storie sono inventate, personaggi e luoghi non esistono realmente”: Di solito si scrive così per evitare problemi poi con persone reali. Ma tu proprio hai rischiato il tutto per tutto mettendoci anche la tua faccia, il tuo indirizzo, il tuo cane, la tua strada,….insomma, hai fegato!

    Liked by 1 persona

    1. Ahah. Benvenuta cara! Eh sì nelle mie storie, pensieri, opinioni ci sono sempre delle parti di me che mi rappresentano realmente. Penso che dovrebbe essere cosi’ un po’ per tutti. Ma, credo fortemente nella realtà, nelle vie che calpesto tutti i giorni. Perché da lì che le frasi che scrivo acquistano senso. Buona serata! 😚

      Mi piace

      1. Io invece credo fortemente nella fantasia ( ma non scrivo fantasy) che fa sopportare meglio la realtà, specialmente quando ti tocca vivere in un posto dove non puoi vivere bene. Tu sei fortunato a vivere così bene la tua realtà ma io sono di un altro posto e qui non mi trovo a mio agio. Quindi attingo ad altre cose, dentro di me, piuttosto che a quello che vedo fuori.
        Buona serata anche a te 🙂

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...